AreaZelig
Martedi
07 Nov
Intervista spettacolo con Ale e Franz
Ore 21:00

TAVOLO € 15,00

TRIBUNA € 12,00

Biglietti disponibili sul circuito





Per info e prenotazioni CLICCA QUI
Zelig Cabaret continua i festeggiamenti per i suoi 30 anni di programmazione anche durante la stagione 2017/2018.
In programma a Novembre 2017 una breve serie di interviste-spettacolo condotte dal direttore artistico di Zelig Cabaret, Giancarlo Bozzo, a comici che hanno contribuito a fare la storia di Zelig, figure importanti e conosciute, amate dal pubblico. Durante la serata non mancheranno classici momenti di repertorio.

Dichiara Giancarlo Bozzo: “Una nuova serie di serate evento che cercheranno di svelare molto anche della vita personale degli artisti, di conoscere dettagli sconosciuti della loro carriera. Serate inedite anche grazie a quella particolare confidenza, direi quasi intimità, che nasce dalla nostra profonda conoscenza che mi lega ai comici.”

Ad aprire questo nuovo ciclo, Martedì 7 Novembre, saranno ALE E FRANZ.
Una delle coppie che più ci ha fatto ridere dagli anni Novanta fino ad oggi, la più allegramente “umana”, la più esposta a fughe surreali e al teatro dell´assurdo, la più legata alla tradizione italiana dei Tognazzi e Vianello, Sordi, Gassman. Qui si raccontano al pubblico anche rispondendo a domande, tra vecchi sketch, e vita reale.
Ale & Franz:
Pippo Kennedy show, Mai dire goal, Buona la prima, Quelli che il calcio, ma soprattutto Zelig dal’99 al 2016. Poi tanto teatro di quello buono e cinema.
Artisti geniali e generosi sono stati i paladini della nuova comicità surreale che diventa anche satira sociale. «Sono passati quasi 25 anni da quando abbiamo iniziato – spiegano i due attori – e ci sembra che tutto sia cambiato, noi, gli spettatori, il mondo il modo di ridere. Quando facevano i nostri primi spettacoli nel 97 non c’era nemmeno il telefonino ora siamo invasi dai social. Un tempo se uno parlava per strada da solo era preso per pazzo, oggi pensi subito che sia al telefono con l’auricolare, però sono proprio questi aspetti che ci piacciono: vedere il paradosso nella normalità».

>>> Newsletter <<<

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere News e promozioni.
* Tutti i campi sono obbligatori.

Ho letto e accetto le condizioni di utilizzo dei dati e la Privacy Policy