AreaZelig
Giovedi
28 Feb
Italian Stand Up - Registrazioni TV
Ore 21:00

POSTO FISSO € 15.00

Biglietti disponibili sul circuito





Per info e prenotazioni CLICCA QUI
La stand up comedy è un genere che sta prendendo piede in Italia, riempiendo i locali di tutto il paese con un pubblico sempre più numeroso e avido di monologhisti di stampo anglosassone.
Pochi ingredienti: un palco spoglio, un cono di luce, l’unico attrezzo di scena è un microfono. Il comico porta in scena se stesso, la sua vita di tutti giorni, il suo personale punto di vista, trascinando con il proprio monologo anche il pubblico più distratto.
Milano, da sempre città “comica”, fa da apripista a questo genere e Zelig Tv non poteva che cogliere al volo la nuova tendenza continuando nel suo ruolo di attenzione e accoglienza di tutto ciò che si muove nel mondo della comicità.
Al Cabaret in Viale Monza 140 dopo le serate registrate nel 2018 vengono registrate le nuove line up che andranno in onda il sabato in seconda serata su Zelig TV, Canale 63 del digitale terrestre
In scena lunedì18 marzo: GIORGIO MELAZZI e ALESSANDRA FAIELLA

GIORGIO MELAZZI in
“Blues dei Cento Appunti
Con il suo personalissimo stile di interprete e di autore, fatto di emozioni e risate che lasciano il segno, tra bagliori di poesia, crude attualità e brucianti pensieri, Giorgio Melazzi, già protagonista di una lunga storia teatrale al fianco di Franco Parenti, è uno dei personaggi “cult” della comicità milanese e un singolare punto d’incontro tra la profondità del teatro e l’immediatezza del cabaret.
“Blues dei Cento Appunti” è una sequenze di storie stupefacenti e di sorprendenti emozioni, graffianti disincanti, soprassalti di humor e incubi surreali: politica e cuori infranti, noie, fughe, sogni, sconfitte e ribellioni del nostro inquieto vivere quotidiano trovano nei suoi spettacoli il luogo ideale per trasformarsi in materia comica, dove la satira e l’ironia non sono mai fini a se stesse, ma strumenti di critica sofisticata e tagliente.
Quel che ne esce è uno spettacolo raffinato ed emozionante, un gioiello di comicità da non perdere.

ALESSANDRA FAIELLA
Ma quali favole ci hanno raccontato? La Bella Addormentata si sa, era imbottita di Xanax e non si può pretendere che fosse molto lucida, ma Biancaneve? Per secoli ci hanno fatto credere che fosse felice di essere la schiava per sette nanerottoli probabilmente nemmeno superdotati! E perché la Bella deve sposare una bestia e non avviene mai il contrario? Più che una fiaba, la vita di una donna è un horror! Sin dall’infanzia! Ad allietarci pensava la Barbie, il prototipo della donna ideale: bella e magra, tettuta e multitasking, seduttiva, emancipata ma eterna fidanzata di un tronista. La Barbie è una donna perfetta, noi no. Noi ci barcameniamo tra lavoro, carriera, figli, mariti, amanti, palestre ed estetiste, ossessionate dall’idea di una perfezione che non riusciremo mai a raggiungere. Il sogno di libertà si è trasformato in una schiavitù da incubo. E allora? E allora smettiamo di lamentarci e prendiamo in mano la nostra vita. Attraversando con piglio ironico e dissacrante l’itinerario di formazione della donna di oggi dalla nascita alla morte, Alessandra Faiella invita a uscire fuori dal tunnel della finta emancipazione, poiché il sonno della ragione che ha già generato troppi mostri


ATTENZIONE: l'ingresso in sala è consentito ai maggiori di 16 anni


>>> Newsletter <<<

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere News e promozioni.

Il titolare del trattamento dei dati personali è Zelig Media Company S.r.l. ai sensi della presente Informativa Privacy.



* Tutti i campi sono obbligatori.

Dichiaro di essere maggiorenne e Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l'invio a mezzo email di newsletter di Zelig Media Company S.r.l. a mezzo e-mail con informazioni commerciali e promozioni dei prodotti selezionate anche mediante Profilazione (v. punto 1.6 Informativa Privacy).
Zelig Media Company S.r.l. informa che il consenso può essere revocato in qualunque momento tramite invio di specifica e-mail al seguente indirizzo zeligmedia@legalmail.it o esercizio dell'out-put presente nella newsletter. Tale revoca non pregiudica la liceità del trattamento basata sui consensi precedentemente prestati.